PUBBLICAZIONI

LIBRI E ALTRE

#Roma in 134 Tweets (2020)

Il libro è dedicato al tweet – un cinguettio di non più di 280 battute – usato per raccontare ciascuno dei 134 luoghi di Roma, che l’autrice ha scelto e illustrato con le sue fotografie.

Creata in formato digitale e per essere letta sul cellulare, questa originale guida rivoluziona il concetto stesso di immediatezza di un post, altrimenti destinato a una breve durata. I messaggi scritti dall’autrice, con le descrizioni e le suggestioni di monumenti, luoghi, opere d’arte e musei della città più bella e amata del mondo, sono così destinati a durare nel tempo.

Ogni tweet racchiude un intero universo e la capacità di diffusione del messaggio dipende tutta dal suo contenuto’ – Jack Dorsey, fondatore di Twitter

  • eBook: 178 pagine
  • Editore: Claudia Viggiani (Authorpublisher)
  • Lingua: Italiano
  • ISBN: 9791220059329
Aquista Ora (iTunes)
Aquista Ora (Google Play)
Aquista Ora (Amazon IT)

Roma Con I Miei Occhi (2018)

Questa raccolta è un invito a visitare Roma seguendo il cuore e le impressioni di Claudia Viggiani, storica dell’arte, profonda conoscitrice ed esperta frequentatrice del Bello essenziale della sua città. I singoli scritti, molto diversi tra loro, sono veri e propri percorsi, scelti solo apparentemente a caso dall’autrice che, in oltre vent’anni anni di ricerche, studi, sopralluoghi e visite, ha raccolto le idee e le nozioni in taccuini, custoditi con cura nella sua libreria. Nel tempo, le note, attentamente riesaminate, sono state unite e ampliate dando vita alla narrazione che rappresenta la parte più profonda e intima di questo libro.

  • Copertina flessibile: 116 pagine
  • Editore: Palombi Editori (22 febbraio 2018)
  • Collana: Palombi Editori
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8860608007
  • ISBN-13: 978-8860608000
Aquista Ora (Amazon IT)
Bellissimo, ti prende per mano e ti accompagna con palpabile passione e preziosa competenza alla scoperta e riscoperta delle incredibili bellezze dell’Arte di Roma. Consigliato.
Cliente Kindle, via Amazon

L’Italia di Giotto: Itinerari giotteschi (2009)

Giotto è il primo artista del Medioevo ad avere di fatto attraversato l’Italia; partendo da Colle di Vespignano presso Vicchio nel Mugello, dove secondo la tradizione ebbe i natali intorno al 1266/67, e trasferendosi ben presto nella vicina Firenze, dove compì i primi passi nella pittura, egli lasciò le proprie testimonianze ad Assisi, a Rimini, a Padova, a Roma, a Napoli, a Bologna, a Milano. Ma non furono solo queste città ad essere segnate dalle rivoluzionanti novità della sua arte; un singolare fenomeno, che non ha precedenti nel periodo medievale, si verifica dopo il passaggio del maestro nei diversi centri…

Le sue opere, infatti, impressero una svolta decisiva alle tradizioni e alle scuole pittoriche locali; opere in qualche caso purtroppo del tutto scomparse, ma idealmente ricostruibili non solo attraverso le fonti scritte che ne diedero spesso immediato riscontro, ma, soprattutto, grazie agli echi riscontrabili nella pittura dei maestri che le videro e con le quali furono, per così dire, costretti a confrontarsi. È infatti un dato incontrovertibile il verificarsi di una più o meno immediata reazione agli stimoli imposti dalla autorevolezza e originalità della sua arte, aspetti che furono ben compresi non solo dagli artisti a lui contemporanei, ma anche dai suoi committenti. È, questo dei committenti, un elemento anch’esso di novità: si rivolgono a Giotto Ordini religiosi, i Francescani innanzitutto, ricchi mercanti e banchieri, come Enrico Scrovegni a Padova, i Peruzzi e i Bardi a Firenze, ecclesiastici di rango, fra i quali Jacopo Stefaneschi a Roma e Bertrando del Poggetto a Bologna, sovrani e nobili come Roberto d’Angiò, re di Napoli e Azzone Visconti, signore di Milano. Infine, il Comune di Firenze nel 1334 lo nomina soprintendente alle opere pubbliche della città e capomaestro della cattedrale di Santa Maria del Fiore. Un tracciato, dunque, assolutamente trasversale, sia in senso geografico sia in termini più ampiamente sociali. Una così straordinaria vicenda artistica e biografica, non poteva non incidere in profondità nel tessuto vitale della cultura italiana della fine del Medioevo, una cultura, soprattutto in campo figurativo, decisamente sfaccettata e aperta ad accogliere apporti tra i più diversificati. Giotto per la prima volta in Italia costruisce, con sorprendente rapidità, un modello normativo che sarà difficile eludere; come Dante Alighieri getta le basi della lingua volgare italiana, così Giotto fonda le regole grammaticali di base della pittura occidentale e delinea la fisionomia dello snodo cruciale dell’arte tra Medioevo e Rinascimento. Si tratta, senza dubbio, di un fenomeno che, al di là di una situazione politica a quel tempo assai frammentata, può essere definito, con tutte le precauzioni del caso, “nazionale”, nel senso che di fatto tutto il territorio italiano fu toccato, con declinazioni e intensità diverse, dalla lezione di Giotto. Il volume è a cura di Claudia Viggiani, con introduzione di Alessandro Tomei.

  • Copertina flessibile: 192 pagine
  • Editore: Gangemi (18 maggio 2009)
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8849216378
  • ISBN-13: 978-8849216370
Aquista Ora (Amazon IT)
Aquista Ora (Google Play)

For me, beauty is light, the ability to truly see.
The source is within all of us and is tied to our personal predispositions and attitudes towards life.
We see who we are.

Altre Pubblicazioni

Castel Sant’Angelo, Applications dispo sur Iphone/Ipad & Android, ed. Blue Lion Guides, Paris 2017.

La Cappella Cerasi, in Chiesa di Santa Maria del Popolo a Roma, Poligrafico dello Stato, 2009

L’ Italia di Giottoitinerari giotteschi. Roma, Gangemi, 2009.

La decorazione secentesca, le collezioni e il fregio Dughet, 2006, in “Palazzo Muti Bussi all’Aracoeli”, pp. 129-155. Edindustria, Roma

Rieti. Museo Civico, in Musart, Roma 2005.

Museo Civico di Rieti. Nuove catalogazioni, in “Lazio Cultura”, Roma 2005.

L’Eur. Itinerari culturali, Azienda di Promozione Turistica di Roma, Roma 2004.

Opere d’arte medievali e rinascimentali all’interno della chiesa in La storia e il restauro del complesso conventuale dei Santi Bonifacio e Alessio all’Aventino, Elio de Rosa Editore Roma 2004.

La cripta, studio storico, in La storia e il restauro del complesso conventuale dei Santi Bonifacio e Alessio all’Aventino, Elio de Rosa Editore Roma 2004.

Supervisione dei testi e ricerca iconografica per la guida Rome in detail. A guide for the Expert Traveler, Rizzoli International Publication, New York (in Association with The Herald Tribune, 2003).

Licenza. Affreschi privati nella Cappella di Palazzo Orsini, in “Lazio Cultura”, Roma 2003.

La decorazione pittorica, in Il villino Folchi, Edindustria Roma 2003.

Opere all’interno della chiesa, in San Bartolomeo all’Isola, storia e restauro, Bonsignori Editore Roma 2002.

L’acqua a Roma, Azienda di Promozione Turistica di Roma, Roma 2002.

I palazzi della Repubblica, Azienda di Promozione Turistica di Roma, Roma 2001.

Passeggiate romane, Azienda di Promozione Turistica di Roma, Roma 2000.

Database sui beni culturali romani per servizio di informazione turistica audio, Area Cultura S.r.l., Roma 2000.

Musei di Roma. Valutazione delle caratteristiche di accoglienza per il visitatori, Touring Club Italiano, Milano 1998.

La nuova fabbrica dell’Arciconfraternita dei Bergamaschi, in Roma, le case, la città, “Studi sul Settecento Romano”, n. 14, pp. 289-294, Bonsignori Editore Roma 1998.

San Pietro in Vaticano. Emozioni nel tempo, Touring Editore, 1998 Milano.

Musei d’Italia, Touring Editore, 1998 Milano.

La pittura a Roma dal secolo XIII al secolo XX, Editrice Giusti di Becocci Saverio, Firenze 1998.

Il color del cielo distingueva l’allora palazzo della Compagnia dei Bergamaschi, in “Noter”, XIV, n. 4, 1994.

Intervista con il direttore dell’Accademia di Carrara, in “Noter”, XIV, n. 2, 1994.

San Valentino: un santo sempre caro agli innamorati, in “Noter”, XIV, n. 1, 1994.

Itinerari romani: il Foro, in “Noter”, XIII, n. 4, 1993.

Alla scoperta di Roma sconosciuta, in “Noter”, XIII, n. 3, 1993.

Le catacombe, cimiteri sotterranei, in “Noter”, XIII, n. 2, 1993.